L’UDA mononota

note_do

Conclusa la triade di scritti del concorso, ecco che una parte dei miei neuroni può finalmente respirare un pochino. In attesa di considerazioni più sistematiche sulle prove e sulla loro organizzazione, faccio semplicemente notare che la maggior parte dei quesiti richiedeva di produrre unità di apprendimento, elaborare verifiche (comprensive di griglia) o indicare percorsi didattici (di durata anche triennale) in un tempo che andava mediamente dai 15 ai 20 minuti. Di qui, da un lato, la mia convinzione che per fare le cose come si deve bisognasse possedere una velocità mentale e di digitazione al limite delle possibilità umane (il riferimento è ovviamente questo), dall’altro, la necessità di avere chiarissimo in testa uno schema ricorrente con cui strutturare le risposte. E lo schema non poteva che essere quello dell’UDA, ossia Unità Di Apprendimento, sul quale ci siamo esercitati in modo ossessivo-compulsivo durante il TFA. Ecco dunque che mi viene spontanea un’ode all’UDA, della quale celebrare la regolarità e l’onnipresenza, attraverso una variazione sulla Canzone mononota di Elio e le Storie Tese, della cui nota essa condivide le caratteristiche.

Condurre un’esistenza di sforzi
Tallonando la chimera di una lezione creativa
Che tenga gli studenti attentissimi
Che poi alla fine scopri
Che ti bastava quello schema solo 
Tritissimo 
Che sciocco non aver pensato prima
All’UDA mononota
Una struttura molto nota
Che si fa con uno schema 
E quello schema è questo
È l’UDA mononota
Puoi cambiare i prerequisiti
Puoi cambiare gli obiettivi 
Puoi cambiare le competenze
Puoi cambiare le metodologie 
La puoi fare frontale, cooperativa, in compresenza, capovolta
Puoi cambiare il docente
Puoi cambiare l’argomento
Puoi farla da solo
Puoi farla tutti insieme coi colleghi 
Puoi farla fare agli studenti 
Mentre ti prendi una pausetta (aspetta che firmo il registro)
Puoi cambiare la lingua
For example you can do it in English
Auf Deutsch, en français, en español,
In cinese: “Unci, dunci, trinci…”
Quante cose che puoi fare
Utilizzando l’UDA!
Puoi farla per la prima elementare
Puoi farla per la quinta superiore
Puoi far finta che sia finita
Ma se non sei in grado neanche
Di fare l’UDA mononota
Ti consigliamo di abbandonare il tuo sogno di docente
Se sei un docente spiritoso
Stai attento
Che qui basta che racconti una barzelletta su Pierino 
E sei fuori
L’UDA mononota
Che non scende a compromessi
E se lo fa il compromesso è piccolo
Tipo una gita
L’UDA mononota
Ha avuto i suoi antesignani
Uno su tutti: il modulo, l’unità didattica, il ciclo di lezioni 
È anche facile da strutturare
Burocratica, favorita dal Ministero
Fateci caso: il concorso a cattedre è pieno di UDA
C’è poi il concorso di una UDA sola
Ma, a forza di riforme, dopo un po’ cambia:
il MIUR ha avuto le palle di perseguire un obiettivo
Ci ha creduto fino in fondo
Invece noi
Forse

(…anche se l’ultima UDA al concorso mi è venuta monca perché è scaduto il tempo)

Annunci

One thought on “L’UDA mononota

  1. Pingback: Liebster Award (e una padellina di cavoli miei) | Macaronea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...