Tema di Italiano – FAQ

(Spin off di questo post, nel quale la questione del tema è affrontata in modo più generale.)

Lo svolgimento del tema di italiano, che dovrebbe svolgersi in raccoglimento, religioso silenzio, e soprattutto solitudine, è regolarmente funestato da domande di ogni genere, più o meno sensate, che gli studenti rivolgono al docente. Eccone qui un campionario:

  • Q.: Se non ho il foglio protocollo, posso usare un foglio a buchi? A.: (da pronunciarsi con occhio che scaglia lingue di fuoco) NO. Se non siete provvisti di fogli protocollo, fate una colletta e mandate uno di voi in cartoleria.
  • Q.: Devo piegare il foglio a metà? A.: Dopo otto anni di temi, non sono domande da farsi. CERTO che devi.
  • Q.: Cosa devo scrivere come intestazione? A.: Come hai intestato i compiti finora? Nome cognome classe data, tema di italiano!
  • Q.: Devo copiare la traccia? A.: Mi basta il numero per capire quale hai scelto! (Di solito, comunque, la traccia viene copiata integralmente, per occupare più righe nel foglio. Beata ingenuità.)
  • Q.: Lo spazio più largo (del foglio protocollo a righe, n.d.a.) va in alto o in basso? A.: Spazio alto in alto, spazio basso in basso. E comunque, hai mai osservato come sono orientati i fogli nei quaderni a righe che hai utilizzato finora? (Domanda inutile: non sono mica quelle le cose che osservano.)
  • Q.: Devo proprio scrivere in corsivo? A.: Innanzitutto, perché non ve lo insegnano più? Comunque, a me interessa che il testo sia in qualche modo leggibile e comprensibile. Unica condizione: evitare lo stampato maiuscolo a tappeto, che mi impedisce di vedere dove usate le maiuscole. (Manco a dirlo, pure questa condizione viene spesso negletta.)
  • Q.: Posso usare un foglio a quadretti? A.: Al limite solo per la malacopia. (E possibilmente bianco. Ho visto malacopie fatte su fogli di ogni colore dell’iride e corredate da disegnini più o meno artistici. Tra l’altro, a copiatura non conclusa, diventando dunque il vero Tema a tutti gli effetti.)
  • Q.: Posso scrivere la malacopia in matita? A.: ASSOLUTAMENTE NO, perché nel caso in cui tu non finisca di copiare in bella non potrei correggerla. (E puntualmente mi trovo cose da correggere in matita. Non mi resta che ovviare fotocopiando il testo e correggendo sulla fotocopia. Ascoltatemi quando vi parlo, piccoli cialtroni.)
  • Q.: Posso usare la cancellina? A.: Basta che non sia necessario stenderla col rullo come l’asfalto.
  • Q.: Quanto lungo dev’essere il tema? A.: Dalle due colonne e mezza alle quattro colonne. (E ogni volta vi sono temi stitici di una colonna e mezza, scritti larghi, e colossali produzioni che occupano tre fogli protocollo.)
  • Q.: Se non ci bastano le tre ore, possiamo usarne un’altra? A.: DOVRETE PRIMA PASSARE SUL MIO CADAVERE.
  • Q.: E allora, se non riusciamo a finire di copiare, come facciamo? A.: Mettete un dannatissimo asterisco sulla malacopia, e continuerò a correggere da quel punto.
  • Q.: (Verso la fine delle prime due ore) Ma io ho già finito il tema. Posso iniziare a copiare anche se non siamo ancora alla terza ora? / Ma io non ho ancora finito. Posso continuare la stesura nella terza ora? A.: La suddivisione di stesura nelle prime due ore e copiatura nella terza è DEL TUTTO INDICATIVA. AUTOGESTITEVI. (E tutte le volte c’è qualcuno che poltrisce per due ore e poi corre come un dannato nella terza, producendo una cosa al limite dell’umano.)
  • Q.: Se nel tema metto un concetto che c’è anche nel dossier e però sapevo già di mio, devo citare lo stesso il documento dov’è contenuto? A.: (Fumano i neuroni) Qui siamo al limite della filosofia teoretica, caro. Vedi tu.
  • Q.: Mi dice un sinonimo di *insert random word here*? A.: Ce l’hai un vocabolario, sì? (Risposta di rimando: non l’ho portato perché pesava.)
  • Q.: Come si scrive *insert random word here*? A.: Vedi sopra.
  • Q.: (Consegnando il compito) Capisce la mia scrittura? A.: Se ti mostro il codice di Tucidide con scolii che ho dovuto portare all’esame di paleografia greca, capirai che non avevi motivo di farmi questa domanda.
Advertisements

8 thoughts on “Tema di Italiano – FAQ

  1. Al momento insegno informatica in un istituto tecnico. Mi sono imposto di badare più alla forma che ai contenuti delle produzioni degli studenti, altrimenti farei delle vere e proprie stragi. Ti dico solo che la settimana scorsa ho dato una verifica sull’utilizzo di Word…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...