La formaggeria dei letterati

10891588_975724622456981_1564767868081417733_n

Qualche giorno fa io e una mia cara amica e collega ci siamo prese un giorno di pausa dalle nostre quotidiane fatiche e ci siamo incontrate a Padova, per fare quattro chiacchiere e acquistare qualche libro in offerta. Passeggiando dalle parti del Palazzo della Ragione, passiamo davanti a un pizzicagnolo (volgarmente detto casolin) che espone il cartello che ho fotografato nell’immagine qui sopra. Tra gli ultimi formaggi arrivati ne spicca uno dal nome evocativo di “Dolce Stil Novo”. Dal momento che né l’una né l’altra ha una mente normale, ecco che scatta la domanda: che tipo di formaggio sarà quello stilnovista? Da qui abbiamo imboccato la pericolosa china delle associazioni gastronomico-letterarie, abbinando ai vari autori il loro formaggio. Ecco quello che il nostro delirio ha prodotto:

  • JACOPONE: formaggio di fossa
  • GUINIZZELLI: una caciottina dolce
  • CAVALCANTI: un pecorino piccantino
  • DANTE: un assortimento di Asiago, che da dolce quand’è giovane diviene sempre più piccante e saporito con l’età
  • PETRARCA: un brie, un po’ muffoso all’esterno
  • CICERONE: una fonduta o una mozzarella filante, che più la tiri più si allunga
  • SENECA: un bel gorgonzola pieno di muffa della meditatio stoica
  • ORAZIO: uno sfizioso formaggio alle noci
  • LIVIO: all’insegna della lactea ubertas, una tosella che si scioglie sulla polenta (oppure una burrata che trasuda siero)
  • VIRGILIO: tagliere misto di formaggi vaccini, pecorini e caprini
  • PETRONIO: formaggio “ubriaco”, stagionato in botti di vino
  • MARZIALE: scaglie di grana
  • LUCREZIO: formaggio stagionato nella paglia (pare una cosa rozza, invece…)
  • OVIDIO: pecorino dolce da degustare con marmellatine afrodisiache
  • CATULLO: un caprino al peperoncino. A tratti delicato a tratti piccante. E spalmabile
  • AGOSTINO: formaggio con le pere (e come no)
  • SAFFO: una ricotta dolce da abbinare al cioccolato fondente
  • BONVESIN DA LA RIVA: grana padano, deliziosamente stagionato, legato al territorio e dà sapore anche ai più sterili dati economici di fine Duecento

(Trattasi di un elenco provvisorio: l’elenco è implementabile in qualsiasi momento con qualunque nuova idea venga a me o a qualcun altro)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...